Implementare le strategie di Marketing con la Rassegna Stampa

Per poter essere sempre competitivi e al passo con le innovazioni tecnologiche,  ogni impresa ha la necessità di  pianificare un buon piano marketing.  Una buona Rassegna Stampa, oltre a monitorare la presenza del proprio brand sugli organi di stampa, può rappresentare anche un ottimo strumento promozionale. Dedicare un’area del proprio sito aziendale alla Rassegna Stampa […]

Un attento monitoraggio dei Media, miglior alleato di ogni Ufficio Stampa

Alla base di una efficace campagna di comunicazione vi è senz’altro la collaborazione tra l’Ufficio Stampa e le società di monitoraggio dei Media.  Chiunque si occupa di comunicazione, ha la necessità di verificare quali e quante testate hanno dato spazio al proprio comunicato stampa per capire se la strategia comunicativa risulta più o meno incisiva.  […]

Rassegna stampa ai tempi dell’informazione digitale

Tra gli effetti della cosiddetta rivoluzione digitale vi è sicuramente la trasformazione del mondo dell’informazione. La facile accessibilità dei canali comunicativi ha reso possibile una rapida moltiplicazione delle fonti di informazione. Numerose testate giornalistiche nate sul web hanno acquisito, negli anni, la stessa autorevolezza e attendibilità delle tradizionali testate cartacee. Dal rapporto sull’Osservatorio delle Testate Online redatto […]

Matteo Messina Denaro: duro colpo alla rete del boss

Ennesimo colpo alla rete di Matteo Messina Denaro, ritenuto il capo di Cosa Nostra dopo la morte di Totò Riina. L’operazione «Anno zero», condotta da carabinieri, polizia e Dia, ha portato all’arresto di 22 persone e allo smantellamento delle famiglie mafiose trapanasi di Castelvetrano, Campobello di Mazara e Partanna, che costituiscono la rete utilizzata da Messina […]

Vinitaly senza vino: la kermesse diventa una sfilata per la politica

Doveva essere la celebrazione del vino italiano, invece l’edizione veronese di Vinitaly si è trasformata in una sfilata politica. Alla kermesse c’erano proprio tutti, ma soprattutto c’erano loro: Salvini e Di Maio. I leader di Lega e M5S non hanno avuto occasione di incontrarsi faccia a faccia ma non sono mancate le frecciatine a distanza.

Guerra in Siria. Trump e Putin ai ferri corti

Soffiano venti di guerra. Il conflitto siriano e l’utilizzo dei gas (attribuiti ad Bashar Assad) hanno spinto il presidente Usa Donald Trump a propendere per l’intervento armato. Mosca, apprese le intenzioni americane, si è detta decisa a difendere il dittatore siriano. E l’Europa? Francia e Gran Bretagna si sono già schierati con l’alleato storico americano. […]

Scandalo Facebook. Zuckerberg si scusa di fronte al Senato Usa

Il fondatore e capo di Facebook, Mark Zuckerberg, si è scusato ieri davanti alle commissioni Commercio e Giustizia del Senato degli Stati Uniti per lo scandalo di Cambridge Analytica e dei milioni di profili spiati per finalità politiche. «Mi dispiace» per gli abusi effettuati sugli account, «diventeremo poliziotti del sistema che ci ruota attorno», ha detto […]

Elezioni Ungheria. Il premier Orban stravince con il 49%

Il premier ungherese Viktor Orban ha stravinto le elezioni, conquistando il suo terzo mandato consecutivo dal 2010 in un voto che ha visto nel Paese un’ affluenza record. Il partito di governo Fidesz, secondo i risultati diffusi quando lo spoglio era ormai oltre l’ 80%, conserva la maggioranza assoluta nel parlamento con il 49% dei consensi. Secondo […]

Consultazioni al Quirinale: il primo giro si chiude con un nulla di fatto

La conclusione del primo giro di consultazioni è stata scontata: un nulla di fatto. Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, preso atto dell’impossibilità di formare un governo, ha concesso una pausa di riflessione per permettere ai partiti di parlarsi e trovare un accordo. Questione di qualche giorno e il Quirinale darà inizio alla seconda tranche di incontri.

Migranti spediti da Israele all’Italia. Netanyahu fa dietrofront

Il nuovo caso politico deflagra in Israele. Il premier Benjamin Netanyahu ha recentemente dichiarato di aver raggiunto un accordo con l’ agenzia Onu per i rifugiati che prevede l’invio di 16 mila profughi in 5 anni (6mila il primo anno) in Paesi occidentali, fra cui Italia, Germania e Canada. Il piano ha immediatamente suscitato la […]

Torna su