Garante privacy: no alla raccolta «fai da te» di dati personali

Niente iniziative “fai da te” nella raccolta dei dati personali: come ribadito dal Garante privacy nella comunicazione pubblicata ieri sul proprio sito Internet, i datori di lavoro devono astenersi dal raccogliere, a priori e in modo «sistematico e generalizzato», informazioni su eventuali sintomi influenzali dei propri dipendenti e dei suoi contatti personali extralavorativi.

Torna su